… un territorio ricco di risorse naturali per prendersi cura di sé

Le acque termali, risonanza per l’intero territorio: "Praefectus alpinum maritimarum viam hanc vetustae collapsam reficendam …. suis balnea suscitavit" … storie di complessi termali risalenti agli antichi romani recitate su una lapide in pietra rintracciata ad Argentera. Poi Bartolomeo Viotti, nel suo "De Balneorum naturalium viribus" parla di....

 

… un territorio ricco di tradizioni enogastronomiche

Il paesaggio di Langa e Roero una volta fu mare. Colline, rocche, calanchi: emersero le colline e i fiumi crearono la fertile piana. In alto gli uomini misero la vite e il suolo fu disegnato a filari: linee che flettono morbide punteggiate di grappoli.
Chiese, torri e castelli crebbero sopra i poggi e nelle pieghe delle dorsali. Ai margini di radi boschetti - noccioli, querce, ciliegi...

 

… un territorio ricco di sport, natura e tempo libero

Ancora il Monviso, montagna come la disegnano i bambini, piramide aguzza, Re di Pietra. Dalle sue pendici origina il Guil che attraversa il Queyras, quadrilatero fra il Brianzonese, il Piemonte e la Provenza alpina, un paese di solitudini tibetane con villaggi ricchi di meridiane, fontane, affreschi e leoni scolpiti.
Su entrambi i versanti boschi di pino cembro favoriscono l’artigianato del legno...

 

… un territorio ricco di storia, arte e cultura

Il perno di queste terre è il Monviso, la piramide delle Alpi Cozie, visibile dalla Pianura Padana, dalle terre del Po, il fiume che nasce ai suoi piedi.
Sotto il crinale si apre il Buco di Viso, primo traforo delle Alpi fra l’Italia e la Francia, costruito nel XV secolo da Ludovico II, marchese di Saluzzo, per favorire il commercio del sale.
Qui principia Po e Druenza, uno va in Piemonte l’altro in Provenza...

 
 
 
il nostro territorio

Un paese tra l’Italia e la Francia a cavallo degli stati
   

cultura... sport... enogastronomia... benessere...
 
 il corpo, il cuore, le radici
<% Dim IDV IDV=request.querystring("IDV") %>

Il corpo di questo paese sono le valli che scendono come l’acqua sull’uno e sull’altro versante. Il cuore sono le grotte. Le radici sono l’ulivo, il noce, il faggio, poi salendo il castagno, l’abete, il frassino e il larice. Le vene sono i torrenti fra i sassi, che corrono alla pianura per scaldarsi e alimentare altri fiumi via via più ampi.

 


 vi vogliamo invitare
<% Dim IDV IDV=request.querystring("IDV") %>

Nel nostro paese tra Piemonte, Liguria e Provenza vi vogliamo invitare: a sud le onde del Mediterraneo, a nord le guglie del Delfinato… le montagne sono la sua spina dorsale.

Il nostro è un paese di paesaggi. Mille paesaggi in verticale, e colline, pianure, deserti silvestri… Un paese di paesi, con città, foreste e vigneti, cime, montagne, e all’orizzonte l’azzurro del mare. Un paese tra l’Italia e la Francia a cavallo degli stati.

 


 le dimore, i castelli, le chiese
<% Dim IDV IDV=request.querystring("IDV") %>

Un paese di tante storie, con una storia, “la sua”, che vive negli sguardi delle genti che lo abitano. Borghi e città tramandano vicende memorabili. In alto sorsero i paesi della libertà, dei contadini pastori, dei fuochi di gioia, delle incisioni rupestri, dei culti solari e delle sagre che sono le feste più libere, antiche e pagane.

In basso le  pianure del grano; in mezzo i paesi sulle colline colorate di viti e di vino con dimore, castelli, chiese, certose, e le strade del mare, le vie del sale e i ricordi dei saraceni corsari.

Nel nostro paese si intrecciano origini liguri e celtiche, presenze romane, arte romanica, gotica e barocca… storie eretiche, vini, cibi e sapienza del fare.

Il nostro è il paese delle piccole strade che portano lontano nel tempo sulle tracce degli emigranti, di mandrie e di greggi, dei resistenti a ogni ingiustizia, di pittori itineranti e dei pellegrini ai santuari.

 


 l’età dell’oro, lingua d’oc

Il Quattrocento fu l’età dell’oro, il secolo in cui le idee andavano a piedi e si diffondevano scavalcando colli e crinali. Sono queste le suggestioni del paese dove vi vogliamo invitare. Si incontrano violini e ghironde e uomini che suonano e danzano. Si ascolta la lingua d’oc dei tempi dei trovatori  e si beve buon vino. Si scopre la pietra, il legno e la paglia sui tetti e borghi sulle colline come rossi arcipelaghi. E’ un paese dove vedere aquile, gipeti, lupi, stambecchi, camosci; dove seguire il profilo di montagne che forano l’aria e nel buio pieno delle notti scorgere le costellazioni del cielo. Dove odorare il vento che a volte ha l’aroma del sale.

 


 
  indietro
invia pagina
 
PRIMAVERA

CHI SIAMO

Ci vogliamo presentare  

Linea diretta con noi  

Dicono di noi  

DOVE VI INVITIAMO

Le nostre terre  

Come arrivare  

GUIDA VACANZE

Idee per la tua vacanza  

Eventi da scoprire  

Dedicato alle famiglie  

Cerca la tua vacanza  

Richiedi il preventivo  

Prenota la tua vacanza  

Cataloghi  

NOTIZIE UTILI

Agenzie Partners  

Meteo  

Links  

NEWSLETTER  

HOME