… un territorio ricco di risorse naturali per prendersi cura di sé

Le acque termali, risonanza per l’intero territorio: "Praefectus alpinum maritimarum viam hanc vetustae collapsam reficendam …. suis balnea suscitavit" … storie di complessi termali risalenti agli antichi romani recitate su una lapide in pietra rintracciata ad Argentera. Poi Bartolomeo Viotti, nel suo "De Balneorum naturalium viribus" parla di....

 

… un territorio ricco di tradizioni enogastronomiche

Il paesaggio di Langa e Roero una volta fu mare. Colline, rocche, calanchi: emersero le colline e i fiumi crearono la fertile piana. In alto gli uomini misero la vite e il suolo fu disegnato a filari: linee che flettono morbide punteggiate di grappoli.
Chiese, torri e castelli crebbero sopra i poggi e nelle pieghe delle dorsali. Ai margini di radi boschetti - noccioli, querce, ciliegi...

 

… un territorio ricco di sport, natura e tempo libero

Ancora il Monviso, montagna come la disegnano i bambini, piramide aguzza, Re di Pietra. Dalle sue pendici origina il Guil che attraversa il Queyras, quadrilatero fra il Brianzonese, il Piemonte e la Provenza alpina, un paese di solitudini tibetane con villaggi ricchi di meridiane, fontane, affreschi e leoni scolpiti.
Su entrambi i versanti boschi di pino cembro favoriscono l’artigianato del legno...

 

… un territorio ricco di storia, arte e cultura

Il perno di queste terre è il Monviso, la piramide delle Alpi Cozie, visibile dalla Pianura Padana, dalle terre del Po, il fiume che nasce ai suoi piedi.
Sotto il crinale si apre il Buco di Viso, primo traforo delle Alpi fra l’Italia e la Francia, costruito nel XV secolo da Ludovico II, marchese di Saluzzo, per favorire il commercio del sale.
Qui principia Po e Druenza, uno va in Piemonte l’altro in Provenza...

 
 
 
viaggiando in valle

cultura... sport... enogastronomia... benessere...
   
Itinerari tematici di sport, natura e tempo libero
   
 
 
   
 
 
Terre di Frontiera .... camminando ....
programma in 4 giorni
 
<% Dim IDV IDV=request.querystring("IDV") %>

... camminando ...

Le valli del Monviso, monti tra Italia e Francia

Facili escursioni e passeggiate risaliranno le valli, attraverseranno le antiche cittą e i borghi dove affondano le radici dell'identitą di una terra affascinante e sconosciuta. Alla scoperta dei "piccoli mondi" attraverso lo straordinario patrimonio naturale ed enogastronomico della pił antica tradizione alpina e occitana.

 

1° giorno. 1° giorno: Arrivo con mezzi propri a Savigliano. In mattinata trasferimento in Valle Varaita: durante il tragitto sosta a Piasco, per effettuare la visita guidata al prestigioso Museo delle Arpe, un’ affascinante collezione di arpe classiche e celtiche situato all’interno della Salvi, fabbrica leader nel mondo per la costruzione di questo affascinante strumento.
Arrivo a S.Anna di Bellino per il pranzo in un caratteristico chalet Alpino che propone piatti a base di antiche ricette di montagna.
Dopo il pranzo facile passeggiata sul Circuito delle Meridiane, un itinerario che si snoda nel meraviglioso contesto naturale dell’ Alta Valle Varaita ( la Valle più verde di questa parte delle Alpi) attraversando le borgate dalla tipica architettura, le cui case presentano sulla facciata antiche e curiose meridiane dipinte.
Cena e pernottamento presso lo Chalet Alpino di S. Anna di Bellino.

2° giorno. 2° giorno: dopo la prima colazione partenza per l’escursione al Colle della Battagliola.
L’itinerario inizia da una delle più caratteristiche Borgate di Bellino, dove spicca la Chiesa parrocchiale derivante da un antico edificio religioso medioevale del quale è rimasto il campanile a bifore, e termina al Colle della Battagliola seguendo una rotabile ex-militare, costruita nel 1936 dagli alpini che avevano il compito di installare le artiglierie atte a difendere la strada per il colle dell’Agnello, sullo spartiacque tra il Vallone di Bellino e quello di Pontechianale.
Il Colle della Battagliola ( mt. 2275) , stretto tra la Cima omonima e la vicina Punta del Cavallo ( mt. 2290), è punto d’osservazione per uno spettacolare panorama sul Monviso. Sulla vicina Punta del Cavallo si trova una lapide che ricorda i piemontesi e i francesi ’’ uniti nell’abbraccio oltre le frontiere terrene ’’ e che si rifà ad un sanguinoso episodio della guerra di successione austriaca del 1744.
Pranzo al sacco ( fornito dallo Chalet di S.Anna Bellino)
Cena occitana e pernottamento presso lo Chalet Alpino Melezè.

3° giorno. 3° giorno: nella prima mattinata partenza per Casteldelfino, Pontechianale e Chianale, splendidi comuni alpini che, da metà del 1300 fino al 1713 parteciparono all’esperienza della Repubblica degli Escartouns, forma di governo indipendente attuata da una coalizione di comuni situati a cavallo della frontiera tra Italia e Francia.
Possibilità di visitare le caratteristiche borgate o di fare passeggiate nel verde del bosco dell’Alevè, il bosco di cembri più esteso delle Alpi: il termine Alevé è una parola in lingua d’oc che significa appunto bosco di cembri.
Oltre ai cembri, sono presenti anche molte altre specie vegetali tipiche della medio-alta montagna e specie animali che hanno in questo bosco il loro habitat naturale.
Pranzo in tipico ristorante alpino o in caratteristica locanda occitana.
Rientro nel pomeriggio a Savigliano
Cena in ristorante e pernottamento in hotel ***.

4° giorno. 4° giorno: dopo la prima colazione, partenza per un’ itinerario culturale nella zona; si visiteranno:
- Saluzzo, la cui atmosfera è ancora intrisa del sapore della villa medioevale, rinascimentale e barocca cui si aggiunge la particolarità di risentire dell’influenza provenzale;
- Savigliano, concentrato di opere e atmosfere di grande suggestioni come la bellissima la Piazza Santarosa, circondata di portici Medioevali o il magnifico palazzo Muratori Cravetta, raro esempio di architettura manierista, interamente dipinto nella parte del cortile interno dai fratelli Arbaudi nel secolo XVII.
Pranzo in ristorante di charme sulle colline saluzzesi.
Nel tardo pomeriggio ritorno in hotel e partenza per il rientro. Fine dei servizi.

 
Terre di Frontiera .... camminando ....  cod   I7VA02

Quota di partecipazione per persona in doppia

295          
     DURATA 0 giorni/-1 notti

       La quota comprende:

  • Ingressi, escursioni e visite guidate come da programma.
    Due pernottamenti presso lo Chalet Alpino Melezè di S.Anna Bellino
    Un pernottamento in hotel 3 stelle a Savigliano
    Pranzi e cene come da programma

       Quote su richiesta per i seguenti servizi:

  • Supplemento singola e riduzione 3° letto

       La quota non comprende:

  • I trasferimenti, le bevande ai pasti e tutto quanto non espressamente indicato nel programma.
 
 
 
Calcola il prezzo della tua vacanza  
 
  indietro
invia pagina
 
PRIMAVERA

CHI SIAMO

Ci vogliamo presentare  

Linea diretta con noi  

Dicono di noi  

DOVE VI INVITIAMO

Le nostre terre  

Come arrivare  

GUIDA VACANZE

Idee per la tua vacanza  

Eventi da scoprire  

Dedicato alle famiglie  

Cerca la tua vacanza  

Richiedi il preventivo  

Prenota la tua vacanza  

Cataloghi  

NOTIZIE UTILI

Agenzie Partners  

Meteo  

Links  

NEWSLETTER  

HOME